Farmaci Generici: spending review

Finalmente qualcosa di sensato. Dal 14 agosto è stata pubblicata sulla gazzetta ufficiale la legge che obbliga i medici ad indicare nella ricetta, il nome del principio attivo del farmaco prescritto, invece del nome commerciale. Questo piccolo accorgimento farà risparmiare al consumatore distratto, che ancora non ne facesse uso, fino ad un 30% sulla spesa totale dei farmaci. 


Il consiglio è sempre quello di tenere gli occhi aperti, perchè potrebbe capitare che alcuni sedicenti medici, sponsorizzati dalle case farmaceutiche, scrivano comunque il nome commerciale indicandone la "non sostituibilità", anche se la legge lo permette solo in caso di motivazione ad hoc, tuttavia a mio parere aggirabilissima, dato che oltre al principio attivo presente nel farmaco, sono presenti altre sostanze che potrebbero risultare "allergiche" al paziente. 

Quello che conta veramente è sempre e solo il principio attivo, come già spiegato in un precedente post e se potete, cercate anche di essere più furbi di chi produce medicinali che abbiano al loro interno due o più principi attivi, perchè il più delle volte è possibile replicarne i principi attivi utilizzando due o più farmaci generici. 

Pazzi per la spesa...come farlo in Italia

In un mio post precedente affermai che in Italia questa pratica (extreme couponing) è impossibile da realizzare, un  po' perchè i produttori non emettono buoni sconto, e un po' perchè i supermercati fidelizzano il cliente in altri modi (vedi punti, premi, ecc).

Pazzi per la spesa...come farlo in Italia
Pazzi per la spesa...come farlo in Italia

Come fare allora? Sensibilizziamo l'opinione pubblica e le aziende a questa pratica! Prendo spunto da un articolo di Beppe Grillo che proponeva di rifornirsi da un solo gestore di carburanti, ossia quello più a buon mercato. A questo punto gli altri gestori si allineerebbero a quel prezzo, e così facendo si avrebbe una concorrenza vera.

Perchè non comprare solo i prodotti dell'azienda che emette buoni sconto? Su facebook c'è un gruppo https://www.facebook.com/pages/Tutti-Pazzi-per-la-Spesa-Italia/251591481635317 che si occupa di questo tema, fateci un salto!

Vacanze low cost? Affidati ai supermercati

In Italia è ancora una pratica poco diffusa, ma in europa è invece la norma affidarsi alle agenzie turistiche dei supermercati. Qualcuno potrebbe chiedersi cosa c'entrano i supermercati con viaggi, vacanze, voli e quant'altro, ma se ci si pensa bene, è facile capirne il motivo.

Vacanze low cost con i supermercati
Vacanze low cost con i supermercati

I punti di forza sono: 
  • La capillarità dei vari punti vendita, 
  • l'affidabilità garantita dal nome, 
  • il prezzo delle offerte.  
Solitamente queste agenzie di viaggio si appoggiano su reali agenzie presenti sul territorio nazionale, quindi in pratica vi affiderete ad un vero e proprio tour operator, ma con i prezzi bassi della rete!

Qui di seguito vi ho elencato (credo) tutte le agenzie legate a super e discount, se ne dovessero mancare vi esorto a comunicarmelo che le aggiungerò all'elenco:

Eurospin: http://www.eurospin-viaggi.it
Auchan: http://www.a-vacanze.it/
Iper: http://www.vantaggitravel.net/
Despar: http://www.adessovacanzadespar.it/
Crai: http://www.craievai.it/
Lidl: http://www.lidl-viaggi.it/
D più: http://www.d-piuviaggi.com/
LD Market: http://www.ldmarketviaggi.it/
Esselunga: http://www.servizioviaggi.it/
Tuodì: www.tuodi-viaggi.it

Oppure affidarvi a dealer come Groupon, Groupalia che offrono viaggi e vacanze a prezzi scontati:

www.groupon.it/viaggi
www.groupalia.it/viaggi

Se non trovate nulla che vi piace, potete sempre optare per le scelte più "tradizionali":

eDreams: viaggi.edreams.it
volagratis: vacanze.volagratis.com
LOL Travel (ex TUI): www.loltravel.it/viaggi
Expedia: www.expedia.it/super-saldi
Lastminute: lastminute.com

o se avete le idee chiare, anche una bella crociera:

MSC Crociere
Costa Crociere

Ora non vi resta che dare un'occhiata alle proposte e prenotare, ma fate in fretta perchè quelle più allettanti spariscono subito!